fbpx

Manutenzione e pulizia dei pavimenti industriali

Manutenzione e pulizia dei pavimenti industriali

Oggi parliamo nuovamente di pavimenti industriali e, più nello specifico, della loro manutenzione e delle relative operazioni di pulizia. Queste due mansioni sono molto importanti in quanto, come potrete immaginare, permettono alla pavimentazione di durare di più e di proporre un aspetto sempre ottimale.

Con questi presupposti, iniziamo con il dire che le migliori e le più diffuse tipologie di pavimenti industriali sono quelle in resina e in cemento. Pertanto, prima di entrare nello specifico e di capire come eseguire la correlata manutenzione e la relativa pulizia, andiamo ad elencare alcune delle loro principali caratteristiche.

I pavimenti in resina

I pavimenti in resina sono diventati i prediletti in molti settori, industriali e non. Inizialmente venivano implementati solamente all’interno delle aree operative delle aziende. Con il tempo, però, la tecnologia ci ha permesso di avere a che fare con prodotti sempre più qualitativi e personalizzabili.

Attualmente, infatti, abbiamo a disposizione persino le pavimentazioni in resina decorativa e/o quelle caratterizzate dalla presenza di immagini in 3D. Si possono prediligere numerosi colori e finiture, pattern e spessori differenti… In pratica, non si tratta più di un “semplice” rivestimento resinoso: quello che abbiamo oggi è molto di più.

Per tutti questi motivi, questo materiale viene usato non solo nelle industrie, ma anche nei centri commerciali, nei negozi, nei laboratori, negli uffici, negli ospedali, negli studi medici e nelle case.

Le caratteristiche dei pavimenti industriali in resina

I pavimenti industriali in resina, così come quelli applicati in ambito residenziale e commerciale, vantano dunque elevati livelli di personalizzazione, nonché tante altre interessanti caratteristiche. Sono lineari e sicuri, altamente igienici (soprattutto perché privi di giunture e fughe), facili da pulire e resistenti sotto molti punti di vista. Non temono l’usura e l’aggressione di vari agenti chimici.

Tra l’altro, grazie alla moderna tecnologia, si possono prediligere rivestimenti resinosi che vanno ad ottimizzare queste caratteristiche, rendendole ancora più incisive. Questo è dovuto all’uso di particolari leganti e additivi, e anche alle finiture ed ai trattamenti protettivi utilizzati su queste superfici. I pavimenti industriali in resina sono atossici, e per questo si rivelano una valida scelta per vari tipi di contesti, dalle abitazioni alle industrie alimentari.

La manutenzione dei pavimenti in resina

Le caratteristiche della resina si traducono anche in un minor bisogno di manutenzione. Tuttavia, può sempre capitare che una caduta accidentale di un particolare oggetto possa sciupare la superficie. Lo stesso vale per l’usura: abbiamo a disposizione un materiale molto resistente e duraturo, che però non potrà durare per sempre!

Fortunatamente, la manutenzione dei pavimenti industriali in resina non è onerosa, proprio come non lo è la loro realizzazione. Per i lavori meno invasivi si possono utilizzare degli appositi stucchi, reperibili nei colorifici o nei negozi specializzati. Usando un prodotto dello stesso colore del rivestimento si potranno ottenere risultati validi.

Ad ogni modo, è chiaro che i professionisti del settore potranno eseguire una manutenzione impeccabile. Pertanto, per quanto concerne questo tipo di operazioni, si consiglia – se possibile – di ricontattare sempre gli stessi professionisti che hanno realizzato la pavimentazione in vostro possesso. In questo modo si ridurranno i tempi di lavorazione, nonché gli eventuali imprevisti dovuti alla ricerca dell’esatta tonalità del pavimento. In caso di manutenzione straordinaria, questa si rivela sempre la soluzione migliore.

Pulire le superfici resinose è facile!

Le caratteristiche della resina ci vengono incontro persino quando si tratta di pulizia. Infatti, i pavimenti industriali realizzati con questo materiale sono lineari e privi di fughe e giunture. Come abbiamo detto, questo li rende più igienici, in quanto lo sporco non può depositarsi in determinati punti della superficie. Questo aiuta a prevenire la formazione di muffe e la proliferazione di batteri, e persino a pulire meglio la pavimentazione.

I consigli per la pulizia dei pavimenti in resina

I pavimenti industriali in resina possono essere puliti con detergenti comuni e adatti ad ogni tipo di pavimento. Si possono usare spazzole e persino macchinari appositi come le lavasciuga. Questo è possibile proprio grazie alla notevole resistenza delle superfici.

Con questi presupposti è chiaro che anche le industrie – che necessitano di rispettare determinati standard di igiene – possono usare i detersivi che reputano più efficaci. È doveroso comunque evitare l’utilizzo di detergenti troppo aggressivi. Questi potrebbero purtroppo far perdere colore al pavimento oppure usurare il rivestimento prima del tempo. Leggere attentamente le etichette dei prodotti può sempre aiutare a prevenire numerosi problemi.

La lucidatura delle superfici resinose

Oltre alla lavasciuga e alla lucidatrice, per la pulizia della resina si possono usare cere protettive e lucidanti, che possono aumentare la durabilità del materiale e persino renderlo più bello. Al posto della ceratura è possibile inoltre utilizzare dei dischi in feltro. Alcuni di essi possono essere avvalorati dalla presenza di speciali particelle che, una volta inumidite, vanno a lucidare e a pulire la resina senza l’uso di detergenti.

In generale, è consigliabile non bagnare troppo la superficie. Infatti, la resina non assorbe i liquidi e una quantità elevata di acqua potrebbe metterci molto tempo per asciugarsi. In poche parole, la pulizia dei pavimenti industriali in resina è facile, così come la loro manutenzione. Tuttavia, è sempre opportuno metterci la dovuta attenzione.

Le superfici in cemento

L’altra tipologia di pavimento più usata all’interno delle industrie è quella in cemento. Si tratta di un materiale semplice, duraturo, resistente, economico e adatto ad ogni tipo di contesto. Ad oggi abbiamo a disposizione tecniche in grado di rendere queste superfici eleganti e perfette persino in ambito residenziale. Attraverso le finiture è possibile avvalorare queste caratteristiche e rendere la superficie ancora più bella.

Per tutti questi motivi, non sono poche le aziende che decidono di implementare questo tipo di pavimento all’interno dei loro ambienti. Le soluzioni moderne permettono di inserirlo in contesti operativi, con un aspetto più “grezzo”, e nelle altre aree aziendali (uffici compresi), prediligendo finiture più raffinate (ad esempio il cemento spatolato).

La manutenzione delle superfici in cemento

Le pavimentazioni in cemento sono economiche rispetto a molte altre e anche la loro manutenzione lo è. Nonostante questo, è utile dire che un pavimento ben realizzato è un pavimento che dura di più. In altri casi tenderà purtroppo a mostrare crepe e problematiche varie prima del tempo. Perciò, la prima cosa da fare è senz’altro affidarsi ad un’impresa che possa realizzare una pavimentazione altamente qualitativa.

In linea di massima, la manutenzione permette di ripristinare parti più o meno grandi, in poco tempo e con una spesa non eccessiva. Anche qui, i professionisti del settore potranno aiutarvi ad avvalervi di una corretta manutenzione dei pavimenti industriali in cemento.

Come pulire questo tipo di pavimentazione?

Per quanto riguarda la pulizia delle superfici in cemento, si suggerisce l’uso di detergenti appositi. In alcuni casi sarà opportuno eseguire un trattamento antisporco attraverso l’uso di prodotti sigillanti. In altre eventualità, a fare la differenza saranno invece le finiture e i trattamenti realizzati dai professionisti che hanno steso lo stesso cemento. Chiaramente, questi andranno richiesti al momento dell’implementazione del pavimento.

Sul cemento si possono usare macchine per la pulizia industriale e i detergenti correlati. Perciò, potrete scegliere la soluzione migliore in base alla tipologia e alle dimensioni dell’ambiente ed alla sua destinazione d’uso, alle vostre preferenze ed esigenze.

Ad ogni modo, quando si tratta di pavimenti molto sporchi (come ad esempio quelli delle officine e/o delle aree di produzione), si consiglia di usare una valida idropulitrice o una lavasciuga. Prima di passare all’uso di questi macchinari, sarà però opportuno spolverare la pavimentazione e rimuovere i detriti più grandi.

Le nostre conclusioni

Seguendo queste indicazioni, potrete di certo eseguire correttamente la manutenzione e le operazioni di pulizia delle superfici, proteggendo adeguatamente i vostri pavimenti industriali. Nonostante questo, però, si suggerisce comunque di richiedere sempre un consiglio a professionisti esperti, oppure all’impresa che ha realizzato la pavimentazione in vostro possesso. In questo modo si potranno ottenere dei suggerimenti personalizzati in base alla specifica tipologia di pavimento.

Il supporto di ResinSystem Italia

Quando si tratta di pavimenti industriali, il team di ResinSystem Italia è in grado di offrire servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione. I nostri pavimenti in resina sono adatti a qualunque contesto e possono rivelarsi ottimi anche per i vostri ambienti. Ci occupiamo inoltre della realizzazione di pavimentazioni in cemento. Per questi ultimi utilizziamo la tecnologia Laser Screed, che stende, compatta e livella il calcestruzzo, offrendo superfici lineari, sicure, durature e resistenti. Grazie a questa particolare tecnologia possiamo ridurre la necessità di manutenzione del pavimento e proporre sempre una resa più che ottimale.

Con questi presupposti vi invitiamo a visionare le sezioni di questo sito web, dedicate appunto alla realizzazione di pavimenti industriali. Grazie alle nostre quattro sedi, possiamo operare in tutta Italia. Perciò, non esitate a contattarci per ottenere ulteriori informazioni e una consulenza personalizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *